La dieta volumetrica

La dieta volumetricaLa dieta volumetrica è stata creata dalla nutrizionista Barbara Rolls dell’Università della Pensilvania, e si basa sul consumo di alimenti che sono in grado di saziare ma che al contempo sono poveri di calorie.

Secondo tale dieta la soluzione ideale per controllare il peso sarebbe assumere razioni di alimenti che non facciano ingrassare, non sazino e non siano ricchi di nutrienti. Vari studi hanno dimostrato l’efficacia della dieta volumetrica a lungo termine.

Funzionamento della dieta volumetrica

La volumetria è la relazione tra il volume di un cibo, la sua capacità di saziare e le sue calorie. Per esempio, 100 calorie di uva fresca possiedono un volume e un peso maggiore rispetto  alle stesse calorie di uva passa e pertanto risultano più sazianti. In questo modo, meno acqua contiene un piatto, più calorie avrà per unità di peso e sarà così meno saziante. La dieta volumetrica calcola la densità energetica (DE) dei cibi, dividendo il numero il numero delle calorie per i grammi; più basso è tale numero più quantità di questo prodotto si potrà assumere senza prender preso.

Menù della dieta volumetrica

La dieta volumetrica è molto facile da seguire grazie al suo potere saziante; è ricca di nutrienti e può aiutare a prevenire alcune malattie quali l’ipertensione o il diabete. La volumetria è la chiave del menù della dieta volumetrica e questo è l’unico fattore che bisogna considerare nel menù di una dieta volumetrica.

Inoltre, bisogna tenere in conto che:

  • I principali componenti che fanno sì che un piatto sia meno ricco di calorie sono l’acqua e le fibre, e ciò che invece fa aumentare la densità calorica sono l’olio e i grassi.
  • Tra i cibi raccomandati dalla dieta volumetrica vi sono verdure, frutta, minestre, carni magre o di uccello e i prodotti caseari scremati. Questi alimenti sono ricchi di proteine, hanno un basso livello di grassi e sono sazianti.
  • La dieta volumetrica raccomanda di scegliere un cibo che sazi di più rispetto ad un altro che sazi di meno. In questa maniera, invece di due porzioni di pizza mangiarne solo uno però accompagnandolo con un po’ di insalata verde dalle notevoli proprietà sazianti. Se si comincia il pasto con una minestra al posto di pane o olive, si potrà giungere a perdere addirittura oltre il cinquanta per cento del peso.
  • Infine, è preferibile preparare un unico piatto verde al posto di vari e miseri piatti dal momento che con quantità inferiori verrà raggiunto lo stesso effetto saziante
This entry was posted in dimagrire and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to "La dieta volumetrica"