Come fare che i bimbi ci aiutano in casa

Ai bimbi piace molto aiutare in casa, per scoprirlo soltanto ocorre mettersi a lavorare assieme a loro. Loro si sentono utili, gli aiuta a essere solidari e spendono energie. Imparano a essere risponsabili e formare parte della famiglia in modo attivo.

Se si crea l’abitudine e si distribuiscono le attività, queste saranno fatte in un modo naturale dove tutti si sentiranno compromessi con la risponsabilità di mantenera la casa in ordine.

Raccomandazioni per fare che l’aiuto dei bimbi in casa sia effettivo:

  1. Fare le cose di casa come se fosse un gioco. Si puó scrivere in una lavagna le istruzioni del gioco e quali sono le cose da fare. Il bimbo si sentirá coinvolto ed intusiasta e li sarà facile capire queglo che debe fare.

  2. Mettere música mentre si ordinano i giochi o mentre si ordina la casa.

  3. È conveniente non cambiarli le mansioni che si sono date in giorni precedenti, è meglio che il bimbo si incarichi di determinate attività e non si agiungono altre nuove.

  4. Pian piano i bimbi possono fare incarichi come andare a comperare il pane, se il locale rimane vicino o andare a prendere il giornale. Dai 8 anni, se le distanze sono corte, si può incominciare a fare questo tipo di incarichi.

  5. Nel primo periodo gli incarichi devono essere semplici, bisogna considerare che non è oportuno dargli ogetti che si possono cadere e rompere.

  6. Rimproverarli se ci mettono più tempo a fare le cose non è conveniente perche loro stanno imparando.

  7. Le vacanze sono un buon momento per insegnarli ad aiutare in casa, perche tutta la famiglia e riposata, rilassata e la predisposizione è opportuna.

La costanza e uno dei fattori che bisogna considerare come prioritari perche i bimbi mantengono una visione risponsabile e solidaria in casa.

Una buona opzione è stimolare i piccoli comperandoli giochi di pulizia adatti a loro, come una scopa, uno spolverino. La creatività anche è importante perche i bimbi al di là di collaborare, si divertano e imparano.

This entry was posted in donna. Bookmark the permalink.