Formare una nuova coppia

Da una prospettiva puramente finanziaria, la miscella delle finanze di ogni uno fuori dal matrimonio, è un viaggio che può non avere ritorno.

Senza il legame legale del matrimonio, tutto lo riferente a proprietà, conti, tasse, tende a essere complesso. Senza parlare dei siccuri, se dasse a succedere qualcosa la coppia rimarrebbe indifesa.

Ma non spaventare in anticipo. Se stai convivendo senza sposarti, potresti evitare i conflitti prima citati. Ecco qui alcuni consigli per gestire le tue finanze del miglior modo possibile, se non è nei tuoi piani sposarti.

Consigli per gestire le finanze assieme

  • Attualiza linformazione sui beneficiari dei tuoi piani di risparmio o pensionamento. O caso mai, vuoi che anche i tuoi risparmi diventino del tuo ex? Esistono buoni raggioni per farlo, una è per rispetto alla tua presente coppia. Bisogna informare di qualsiasi modiffica importante come una nascita, divorzio o morte di un membro della famiglia.

  • Se la tua coppia non è interessara a parlare di soldi, modiffica i freddi numeri per qualcosa di più concreto, come il prezzo delle vacanze, lo stipendio della donna della pulizia, forse in questo modo si sente più tentato a partecipare in aspetti economici.

  • Condividere i compiti finanziari. La gestione dei soldi di una coppia è lavoro di entrambi. La risponsabilità si debe condividere. Chi si specializi in numeri, può incaricarsi di portare la contabilità della casa, chi sia ordinato può incaricarsi di mettere assieme tutti gli scontrini.

  • Inizia a portare un calendario delle tue finanze. Il mondo dei soldi si gestisce in modo trimestrale. I dati devono contenere: 1) la quantità di soldi che avete ad oggi in comune. 2) le modiffiche a favore o incontra a riguardo il bilancio precedente. 3) qualsiasi tipo di transazione (acquisto, vendita, boniffico, spese, ecc.)

  • Chiedi aiuto a terzi neutri di fiducia. Domanda cosa ne pensano, tiene in considerazione i suoi consigli, ti piaciano o no, siano a favore o in contro.

This entry was posted in donna. Bookmark the permalink.