La lotta per lo stipendio ugualitario

La lotta delle donne per ottenere una uguaglianza nel mondo del lavoro non è nuova, certo che non è logico che guadagnino meno facendo lo stesso lavoro.

Lottare per ottenere un riconoscimento per il lavoro, è un nostro diritto, è importante che la donna si faccia valorare ed richieda le sue proprie condizioni.

La presenza maschile è ancora molto presente, anzi, alcuni anni fa ancora non era ben visto che una donna guadagnasse lo stesso che un uomo o ancora di piú.

Comunque nell’attualitá con l’energía che mette la donna, questa sensazione non è piú presente. Adesso per fine puó correre per la presidenza di una nazione ed è molto normale.

Per fine, nei paesi tradizionalmente maschili, si sta vedendo una vera rivoluzione femminile per essere viste e considerate nello stesso modo. Comunque, manca ancora una lungha strada da percorrere in certi posti, ma nella maggioranza del mondo, la donna sta guadagnando ogni volta piú posto, anche tra ocupazioni tradizionalmente di uomini, un altro cantare é lo stipendio.

Al di là del fatto che questo cambio che è in marcia sia favorevole per le donne non è una tendenza troppo quotidiana, specialmente in paesi in via di sviluppo.

Secondo studi recenti, donne di razza bianca guadagnano un 78% di queglo che guadagnano gli uomini, le donne afroamericane invece guadagnano il 91% di queglo che guadagnano gli uomini della stessa etnia, e per fine le donne ispane guadagnano un 88% di queglo che guadagnano gli uomini ispani.

Comunque queste cifre sono ancora positive se prendiamo come riferimento la differenza esistente anni scorsi. In paesi come Brasile, Cile e Argentina, negli anni 90 gli uomini guadagnabano fino un 50% piú che le donne della stessa profesione, oggi la distanza si è accorciata e loro guadagnano un 20% di piú.

L’attegiamento maschile in riguardo a questa realtá è contradittoria, da una parte si sentono sollevati per che c’è unaltro ingresso económico in casa, ma dal punto di vista culturale risulta ancora difficile da acettare.

Molti uomini dicono che si sentono scomodi ad avvertire che le sue donne cominciano a comandare e decidere cosa comperare e cosa no, ed esercitano questo nuovo potere con piacere.

This entry was posted in donna. Bookmark the permalink.