Esercizi per ridurre la cintura

La vida sedentaria e la cattiva alimentazione sono due fattori che influenzano negativamente per mantenere la silhouette. Mangiare sano renderà veloce e gratificante l’arduo compito di ottenere il peso ideale.

Alcuni consigli possono essere:

  1. Le torsioni sono ideali per ridurre la cintura e con questi movimenti si lavorano i muscoli che di solito non si muovano. Uno degli esercizi e mettersi in piedi con le gambe aperte, mettere le mani nella cintura e piegare le ginocchia. Girare la cintura tanto come si possa verso la destra mantenendo la schiena dritta e poi a la sinistra. Ripetere dieci volte. Le braccia possono mettersi nella nuca o la cintura. È importante gestire correttamente la respirazione. Ispirare ed espirare con un buon ritmo e senza agitarsi.

  1. In piedi, mettere le gambe moderatamente separate. La schiena debe essere dritta. Andare scendendo sempre mantenendo un angolo retto verso avanti il più possibile. Ripettere varie volte.

  1. Sdraiarsi in una superficie comoda e di fianco mantenere le gambe ben stirate una sopra l’altra. Girare il torso da un lato e dopo da l’altro. Al inizio le serie devono essere fatte lentamente.Bottom of Form Una volta guadagnata della forza, si potrà fare gli esercizi più volte e più velocemente.

  1. In piedi, mettere le mani dietro la testa e girare il torso verso un lato mentre si alza una delle gambe flesse. Ripettere varie volte e cambiare di gamba e di lato di torsione.

Questi esercizi, possono essere difficoltosi se mai si sono praticati prima, è importane avere costanza per fargli ogni volta meglio. Non si necessitano molti minuti al giorno per creare una routine che ottimizzi i risultati.

Perdere peso

La attività física assieme a una buona alimentazione sono fattori che influenzano per ridurre chili in più. I dolori di cintura, in molti casi, si producono per avere una muscolatura debole. La pratica di questi esercizi non solo contribuirà a diminuire la grassa, ma anche a fortalire la zona ed evitare il mal di schiena.

This entry was posted in salute. Bookmark the permalink.