Sei pasti al giorno

Sei pasti al giornoSei pasti al giorno o l’equivalente: mangiare ogni tre ore, è l’idea del programma di dimagrimento elaborato da Jorge Cruise, che permette mangiare di tutto in porzioni ragionevoli.

 

La premessa della dieta delle 3 ore è che si deve mangiare sei volte al giorno, ogni tre ore. Si cerca di ottenere due obiettivi:

  1. Mangiare con più frequenza riduce i livelli dell’ormone cortisolo, è comprovato che il cortisolo causi ritenzione di grassi nella zona addominale.
  2. D’altro canto, mangiare con frequenza accelera il metabolismo e questo aiuta a bruciare i grassi.

 

Mangiare ogni tre ore

I sei pasti al giorno non devono essere molto abbondanti (non più di 400 calorie). Ogni pasto deve essere variato e contenere carboidrati, proteine, grassi, frutta e verdure.

Ogni persona può organizzare i sei pasti secondo i suoi orari e le sue preferenze, facendo in modo che il primo pasto (la colazione) sia abbondante, e l’ultimo pasto del giorno (la cena) sia leggera. Per esempio, si può realizzare una colazione completa alle 8.00, bere un tè e mangiare una frutta verso le 11.00, fare il pranzo alle 14.00, mangiare nuovamente una frutta verso le 17.00 e alle 20.00 una cena leggera, e come ultimo pasto del giorno prendere un tè, uno yogurt o una frutta prima di andare al letto.

L’ingestione giornaliera di calorie mangiando ogni tre ore assicura al nostro corpo i nutrienti necessari. Non è una dieta pericolosa o restrittiva. Al contrario, mangiare frequentemente evita di abbuffarsi all’ora dei pasti. Inoltre il nostro corpo si mantiene ben idratato durante il giorno.

Infine, è necessario dell’esercizio fisico per accompagnare questa dieta. L’esercizio fisico estremo può essere dannoso per le persone che soffrono di obesità o semplicemente che non sono abituate a fare esercizi. Quindi, è meglio evitare gli sforzi e camminare, ballare, salire le scale, giocare con i bambini, rinforzando il nostro corpo e accelerando la perdita di peso.

This entry was posted in salute and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.